PSICOLOGIA POSITIVA - Riccardo Cazzulo - Biodanza, Counseling, Sostegno Psicologico, Costellazioni Famigliari

Vai ai contenuti

La matrice psicologica che supporta tutto il mio intervento con i gruppi e con i singoli soggetti è quella della Psicologia Positiva.

LA PSICOLOGIA POSITIVA
La psicologia positiva, formalizzatasi sul finire degli anni ’90, è una prospettiva scientifica molto recente che sta attualmente vivendo la propria fase di sviluppo e che rivolge il proprio interesse al benessere e alla realizzazione degli individui e della collettività piuttosto che ai loro problemi e alle loro sofferenze.
Da alcuni decenni ormai anche le discipline scientifiche come la psicologia, la sociologia e l’economia  hanno iniziato ad interessarsi sempre più dei temi relativi alla qualità della vita e al benessere. Grazie soprattutto a l’accrescimento delle risorse economiche e alla conseguente esigenza di soddisfacimento di bisogni di livello superiore una serie di nuovi valori sono entrati a far parte della vita delle persone. Sia i ricercatori che la popolazione in genere hanno iniziato ad interessarsi in maniera concreta a questioni relative a salute, benessere, partecipazione e qualità della vita e agli aspetti psicologici collegati.
Questo scenario ha favorito la nascita e lo sviluppo della psicologia positiva con lo scopo di favorire un cambiamento nella psicologia “in modo che, accanto allo studio di come riparare al peggio nella vita ci sia spazio anche per tutto ciò che rende la vita meritevole di essere vissuta: una scienza e una professione per comprendere e costruire quei fattori che permettono agli individui, alle comunità e alle società di fiorire e raggiungere un funzionamento ottimale” (Colombo & Goldwurm, 2010).

Secondo i principali esponenti della disciplina le aree di studio interessate risultano essere principalmente tre:

  • Le emozioni positive nelle quali viene inclusa anche la felicità

  • I tratti positivi: potenzialità, virtù e abilità, comprese quelle atletiche

  • Le istituzioni positive come la democrazia, la famiglia e la libertà di informazione.


Queste tre aree si influenzano a vicenda visto che le istituzioni positive supportano i tratti positivi che a loro volta sostengono le emozioni positive sia nei momenti di benessere che in quelli di crisi.
La psicologia positiva non vuole essere un nuovo movimento e neppure un nuovo paradigma, si tratta di una nuova prospettiva di studio e analisi del comportamento umano.
La nascita della psicologia positiva è stata ufficializzata da un numero monografico di  American Psychologist del gennaio 2000, successivamente anche in Italia sono stati pubblicati numerosi articoli sulla rivista Psicologia della Salute.
Interessanti risultano essere alcune considerazioni di Delle Fave relative agli aspetti geografici della disciplina: “La scotomizzazione del positivo nel panorama psicologico internazionale è peraltro strettamente connessa alla caratterizzazione occidentale della disciplina. In altri contesti culturali non si è mai posto il problema di distinguere tra psicologia e psicologia positiva, essenzialmente perché non si è mai coltivata una visione negativa e patologica dell’uomo e della sua realtà sociale. Al contrario, la psicologia occidentale non ha mai studiato in modo sistematico le caratteristiche degli individui soddisfatti e delle comunità fiorenti; gli psicologi hanno solo una conoscenza frammentaria di ciò che renda la vita meritevole di essere vissuta e di come si possano sviluppare a livello ottimale le potenzialità individuali e collettive” (Delle Fave in Colombo & Goldwurm, 2010).



SCOPI DELLA PSICOLOGIA POSITIVA
Gli scopi della psicologia positiva possono essere definiti in questi termini: "catalizzare una modificazione dell'interesse centrale della psicologia, spostandolo dalla preoccupazione di porre rimedio agli aspetti peggiori della vita alla costruzione anche di qualità positive" (Seligman, & Csikszentmihalyi, 2000),
Secondo Seligman e Csikszentmihalyi questi obbiettivi possono essere raggiunti attraverso l'intervento articolato su più livelli, in particolare:

  • sviluppare una concezione della buona vita che si fondi su evidenze empiriche ma che sia allo stesso tempo comprensibile e attrattiva
  • mettere in evidenza i comportamenti e gli interventi che possano favorire il benessere, lo sviluppo positivo dell'individuo e la prosperità della società
  • individuare quali tipologie di famiglie incoraggino uno sviluppo ottimale dei bambini, quali ambienti di lavoro permettano un'esperienza soddisfacente ai propri lavoratori, quali tipologie di politiche favoriscano un alto impegno sociale  e infine e attraverso quali strategie si possano raggiungere stili di vita gratificanti per un'esistenza degna di essere vissuta.

Al momento si contano due associazioni internazionali di psicologia positiva: la International Positive Psycology Association (IPPA) e lo European Network of Positive Psychology (ENPP) ed anche una a livello nazionale: la Società Italiana di Psicologia Positiva (SIPP), sono inoltre già molti i programmi di formazione post-laurea che si stanno diffondendo all'estero e anche in Italia.
La psicologia positiva non è peraltro nuova a questo tipo di obiettivi ed interventi, in precedenza già Carl Rogers  nel’ambito della psicologia umanistica definì il benessere come il “funzionamento ottimale”, e Antonovsky coniò il termine salutogenesi riferendosi al benessere nella sua accezione più ampia e all’individuazione di quei fattori che favoriscano uno stato di salute a trecentosessanta gradi determinato dalle qualità positive presenti ne l’individuo a livello cognitivo, emotivo e comportamentale.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito già da tempo la salute come qualcosa di più della mera assenza di malattia definendola come una serie di funzionamenti positivi a livello fisico, psicologico e sociale sposando il modello biopsicosociale di Engel e focalizzando l’attenzione principalmente sul concetto di prevenzione  piuttosto che su quello di cura.

Riccardo Cazzulo

Riferimenti bibliografici:

Colombo, G., & Goldwurm, G. F. (a cura di). (2010). Psicologia positiva. Gardolo (TN): Erickson

Seligman, M.E.P. & Csikszentmihalyi, M. (2000). Positive psychology. American Psychologist, 55, 5-14.






Riccardo Cazzulo
Piazza Cavour, 75r
16128 Genova
  +39 339 5459651
  +39 010 3012297

riccardocazzulo@gmail.com

Servizi di consulenza alla persona in ambito
psico-sociale e a mediazione corporea
P.I. 02420880995
Torna ai contenuti